PoliticaRegione

“Violato lo Statuto Siciliano”, chiesto lo scioglimento dell’Ars

Violazione dello Statuto Siciliano in materia di rapporti finanziari tra Stato e Regione. Per questo viene chiesto lo scioglimento dell’Assemblea Regionale. A chiederlo è il MIAS, Movimento per l’ Indipendenza e l’Autonomia della Sicilia. “Se l’Autonomia Speciale non va attuata – dice -, la Regione Siciliana va commissariata“.

Secondo il movimento indipendentista, 76 anni di mancata autonomia hanno costituito per il Popolo Siciliano “un danno economico e sociale incalcolabile in termini di mancato sviluppo, perdita di posti di lavoro, infrastrutture fatiscenti, bassissima qualità della vita, pagato con disoccupazione ed emigrazione”. “Il Parlamento Siciliano, dal 1946 ad oggi – sostiene il MIAS – non ha attuato i principali articoli dello Statuto, soprattutto, quelle norme attinenti ai rapporti finanziari tra Stato e Regione, che fanno perdere alla Sicilia quasi dieci miliardi l’anno”.

“Qesta inerzia dei deputati regionali non può essere pagata dai cittadini siciliani“, dicono i sostenitori del movimento che si batte per l’autonomia e per l’indipendenza dell’Isola. “Per tali ragion, essendo palese la persistente violazione dello Statuto Speciale di Autonomia della Regione Siciliana, sin dalla sua nascita, il MIAS ha preannunciato l’iniziativa, politica e giuridica, di chiedere al Commissario dello Stato della Regione Siciliana lo scioglimento dell’Assemblea Regionale Siciliana per “persistente violazione dello Statuto“.

“Se a prima vista lo scioglimento dell’ARS può sembrare una compressione dell’Autonomia – aggiunge il presidente del MIAS, Umberto Mendola – è, per converso, intollerabile che l’Autonomia venga applicata per le indennità dei parlamentari regionali e non per lo sviluppo della Sicilia e il benessere dei Siciliani“. “Spero – dice ancora Mendola – che da questa iniziativa il Parlamento siciliano possa risorgere e avere nel suo seno non deputati-ascari ma deputati che rappresentino in tutto il desiderio di Autogoverno del Popolo Siciliano. Il mancato accoglimento, da parte del Commissario dello stato, dell’istanza di scioglimento dell’ARS come prevede l’art.8 dello Statuto Autonomo Siciliano, comporterà una diffida giudiziaria e la prosecuzione di nuovi giudizi in sede legale”.

Mostra Altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Servizio  a cura di Farmacia Venera Cipolla Gela
CITTA' DI GELA
FARMACIE DI TURNO

SABATO 2 LUGLIO 2022   

SERVIZIO DIURNO

FARMACIA L'ABBATE Via Palazzi,50
0933/937209
orario cont. 9:00-20:00

FARMACIA DI BARTOLO C.so Vitt. Emanuele, 323
0933/917753
9:00-13:00/16:00-20:00

SERVIZIO NOTTURNO

FARMACIA CENTRO Via G. Marconi, 47/49
0933/1964217
orario cont. 20:00-9:00

QUOTA FISSA CHIAMATA NOTTURNA € 7,50

GUARDIA MEDICA

Via Butera
0933/905350