Politica

Giordano a Spata: “i 4,5 mln servono per una serie di interventi”

Gela – Si è fatta attendere la risposta dell’amministrazione alla pesante illazione lanciata dal consigliere della Lega Giuseppe Spata. A rispondere no è stato, come ci si aspettava, il sindaco con le sue roboanti filippiche, ma lo stesso assessore al bilancio Danilo Giordano, che scanaglia, dopo giorni di riflessione, l’accusa.

“Sento il dovere di replicare al consigliere Spata1 dice Giordano – secondo cui l’amministrazione, nell’ambito di un fantomatico budget 2023 del bilancio di previsione, alla voce “attività culturali” avrebbe inserito circa 4.451.000,00 di euro per “prepararsi” alla tornata elettorale delle prossime amministrative.
Mi corre l’obbligo far evidenziare che, probabilmente, quando ha letto queste cifre pensava ad altro o non ha avuto modo di analizzare bene la voce di bilancio in questione, ossia “Tutela e valorizzazione dei beni e attività culturali”. Questa riporta, per l’anno 2023, un importo di € 4.451.000,00 che, se il consigliere avesse avuto tempo e voglia di capire meglio, contiene, nelle specifico, solo le seguenti voci:
€ 3.500.000,00 “Ristrutturazione Edificio ex Dogana – Lungomare”
€ 600.000,00 “Restauro e Consolidamento Chiesa San Rocco
€ 330.000,00 “Rifunzionalizzazione Granai Palazzo Ducale”
€ 21.100,00 “Spese in conto capitale”.
Appare del tutto del tutto evidente la “svista”, che ritengo strumentale e fuorviante, del consigliere Spata, cui consiglio vivamente, la prossima volta, di confrontarsi con l’assessore o con il dirigente del settore Bilancio, e di verificare con attenzione i dati, onde evitare affermazioni gravi, speciose e senza fondamento come quelle rilasciate di recente”.

Mostra Altro

Articoli Correlati

Un commento

  1. Assessore Giordano, signor sindaco, signori della giunta e del consiglio comunale, ma oltre al cospicuo impingua mento delle ristrutturazioni vi siete preoccupati di pensare ai servizi delle persone fragili visto che fate passerelle e millantate sensibilità della massima ipocrisia? Si vedrà un miglioramento per le persone che sono chiusi a casa da tre anni e le famiglie che debbono badare con i bambini e gli adulti Che hanno problemi gravi problemi psichici? apri rete nuove strutture diurne? Io dico di no. Paolo Capici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button