Cronaca

Il sindaco risponde al deputato sulla mancata sistemazione dei pannelli per il referendum del 20 e 21 settembre

Sindaco Lucio Greco replica così alle accuse giunte a mezzo stampa dal deputato regionale grillino Nuccio Di Paola che, in riferimento al referendum del 20 e 21 settembre per decidere sul taglio dei parlamentari, punta l’indice contro Palazzo di Città per la mancata sistemazione degli stalli in cui collocare i pannelli per i manifesti per la propaganda elettorale. “E’ inconcepibile, per non dire pura fantascienza, che si possa pensare che non sono stati ancora delimitati gli spazi perchè siamo a favore del no. Quello che è successo è molto più semplice, – continua Greco – e al deputato Di Paola sarebbe bastata una telefonata per saperlo. In sostanza, ad agosto è stata indetta la gara aperta sul MEPA (Mercato Elettronico Pubblica Amministrazione) per l’allestimednto degli spazi elettorali e dei seggi. Il giorno di apertura delle buste è stato fissato al 3 settembre, perchè sono stati concessi 15 giorni di tempo a tutte le ditte per partecipare alla gara. Questa, però, non si è potuta concludere ed è ancora in fase di svogimento perchè si sono rese necessarie delle verifiche di natura tecnica sulle tre ditte che hanno partecipato. E’ questione di giorni, – conclude Greco – poi si procederà con l’aggiudicazione provvisoria e la consegna sotto riserva di legge urgente ed immediata di questi spazi. I tempi sono stretti, è vero, ma i ritardi non sono addebitabili a questa amministrazione”.

Mostra Altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

COMUNICAZIONI DEL COMUNE DI GELA

dalle ore 04.00 e fino alle ore 10.00 del 21/01/2022
DIVIETO DI SOSTA CON RIMOZIONE FORZATA, nelle seguenti strade: Via R.PILO, lato NORD, tratto compreso tra la via VOLTURNO e la via G.GALILEI; Via MORSELLI, lato NORD, tratto compreso tra la via G.GALILEI e la via EUROPA; Via EUROPA, lato EST, tratto compreso tra la via E. ROMAGNOLI e la via CICERONE