Cronaca

Covid: ancora disagi al Sant’Elia

I dati sconfortanti che sentiamo in televisione e leggiamo sui giornali, ci inducono a pensare che avevamo ragione quando consigliavamo l’apertura di un “ospedale Covid ” presso la struttura del “Maddalena Raimondi “di San Cataldo.

Siamo stati inascoltati e oggi ci ritroviamo con un ospedale Sant’Elia a mezzo servizio, con reparti che lavorano a singhiozzo e i servizi e gli ambulatori chiusi.

L’utenza è insoddisfatta e si iniziano a leggere sui giornali articoli di protesta come quello scritto dall’avvocato Salvatore Pecoraro presidente dell’ “Associazione Ligabue” per la tutela dei pazienti con disturbi psichici.

Dobbiamo sempre sperare che a Caltanissetta e nella Sicilia centrale non avvengano fatti eclatanti, sperando nella clemenza del Covid, e rimettendoci nelle mani del buon Dio.

Se invece dovessimo anche noi nisseni avere un’impennata di casi e di ricoveri e dovessimo anche noi aver bisogno della rianimazione allora tutto si complica e ci avvieremmo verso l’emergenza senza alcuna previsione.

Qualora avessimo approntato già l’”ospedale Covid” a San Cataldo al Maddalena Raimondi, l’ospedale Sant’Elia si troverebbe nelle condizioni di lavorare a ritmi normali dando ai nisseni servizi completi e puntuali.

Anche questa volta non abbiamo saputo programmare e cogliere l’occasione.

Oggi ci ritroviamo come al solito in ritardo e poco pronti ad affrontare le emergenze Covid, nell’impossibilità di offrire ai cittadini nisseni quella assistenza e quelle cure che meritano.

Ricordiamo che il Maddalena Raimondi ha posti letto a sufficienza, dotati di aspirazione e ossigeno centralizzati, di un reparto di analisi cliniche, di sale operatorie all’avanguardia, di radiologia e di TAC.

Non possiamo fare altro che augurarci di non dover affrontare situazioni drammatiche, altrimenti dovremmo solo recitare il mea culpa ….. mea culpa.

Salvatore Giunta

Consigliere Nazionale

Unità Siciliana LE API

Tags
Mostra Altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close