Cronaca

Acqua bene prezioso, ma nel 2020 non ci si può ridurre cosi. Il video.

Questo video è stato messo in rete da una cittadina che si rivolge al sindaco di Gela. “Stamattina, sono stata presente ad osservare una scena d altri tempi – scrive la donna – E mi permetto di mandarle una foto e un piccolo filmato. Lo guardi con un po’ di attenzione, per capire in che stato si vive a  Gela: per avere acqua, il giorno del ferragosto, quando tutti vanno a mare, i cittadini devono raccogliere l’acqua, da terra approfittando delle falle.

Gela è un colabrodo. Dia delle risposte”.

Nella ricerca di notizie capita sovente che i social network, diamo spunti  o che aprano porte verso notizie  più  complesse.

Quello che abbiamo trovato oggi è  ciò  che a Gela  non vorremmo fosse mai capitato. Ma tant’è  è  successo  ed il tutto  trovato sulla bacheca del Sindaco Lucio  Greco.

Si tratta di un video, pubblicato 24h fa, che una “emigrata gelese” ha voluto recapitare al primo cittadino; eccone il commento che riportiamo integralmente.

Questo messaggio e dedicato al signor sindaco di Gela.Carissimoe gentilissimo Sig. Sindaco di Gela. Questa mattina, sono stata presente ad osservare una scena vergognosa a Gela. E mi permetto di mandarle una foto e un piccolo di film. Lo guardi con un po di attenzione,per capire ,in che stato siamo a Gela, per avere acqua, il giorno del ferragosto, dove tutti vanno a mare, i cittadini devono raccogliere l’acqua, da terra,dove ci sono delle rotture. Gela è un colabrodo. Mi dia lei una risposta, e faccia il suo dovere di sindaco. E una GRANDISSIMA VERGOGNA. Arrivati a questo punto, ho dei dubbi, che lei sia all’altezza di svolgere il suo ruolo di Sindaco.
Cordiali saluti,una cittadina gelese che viene 1 volta l’anno a fare ferie.
Grazie, per la bella accoglienza.

 

 

Mostra Altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button