Attualita

Fase 2: sindacati, Prefetto e direzione Asp si incontrano per fare il punto della situazione

Si è appena concluso un vertice in video conferenza tra CGIL CISL UIL, con i segretari generali Giudice, Gallo e Castania,  il Prefetto di Caltanissetta Di Stani  e  ASP con il Direttore Generale Ing. Caltagirone e Direttore Sanitario Marcella Santino per ottenere informazioni dettagliate a 24 ore della Fase 2.
Queste le informazioni ottenute
 5166 tamponi refertati, cioè cittadini che hanno già ricevuto la mail con relativo risultato di questi 2160 geografici (cittadini provenienti dalle prime zone rosse) e 2466 casi sospetti e contatti stretti;
1951 cittadini della provincia di Caltanissetta registrati al portare regionale “Costruire salute” (dal 14 marzo a 31 aprile), altri non hanno seguito questa procedure prevista dalle normativa e, in ordine sparso,  sono stati rintracciati e sottoposti al tampone;
📌 per gestire in modo ottimale la Fase 2 si è decisa la postazione permanente nei quattro Comuni della provincia (Caltanissetta, Mussomeli, Niscemi, Gela) dove i cittadini in quarantena si potranno recare superati i 14 giorni di isolamento;
 Dispositivi di sicurezza garantiti a tutto il personale sanitario e amministrativo, anche grazie alle donazioni della Protezione civile e alla conversione di alcune aziende del tessile Siciliane che da settimane pruducono mascherine;
 Assunti a tempo determinato 75 Operatori socio sanitari, 80 infermieri, 21 medici e di questi ultimi vi è una disponibilità di altri 30 anche oggi ci saranno altre assunzioni;
 Completata da parte di ASP tutta la fase tecnica per la costruzione di terapia intensiva con fondi ENI, ora si attende la valutazione ed i pareri;
 In questi giorni i rientri sono di circa 35 cittadini in tutti i 22 Comuni della provincia;
 sono stati eseguiti i tamponi ai nuovi assunti provenienti da fuori Regione come prescritto dalla legge e sono stati acquisiti i risultati dei tamponi dalle strutture nelle quali i lavoratori hanno prestato servizio fino al giorno prima;
ad oggi la Regione non ha emanato nessun provvedimento di riapertura degli Ospedali per tutte le altre patologie ma è già in corso la valutazione delle liste di attesa per non farsi trovare impreparati il giorno del riavvio, quindi resta confermata l’ospedalizzazione solo per urgenza ed emergenza (patologie oncologiche e interventi non rinviabili);
aggiornamento del DVR (documento valutazione rischi) doveroso per i lavoratori e i degenti
Seguiranno altri incontri per monitorare in modo costante l’ attività asp presidio per presidio.
Tags
Mostra Altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close