Attualita

Dimissioni del direttore sanitario dell’ospedale Sant’Elia

Dopo poco più di sei mesi dall’inizio dell’incarico si è dimesso nella giornata di ieri il direttore sanitario dell’Ospedale Sant’Elia Pasquale Di Mattia che ha comunicato la sua decisione con la seguente lettera:

Negli ultimi anni l’attività della direzione medica del presidio ospedaliero Sant’Elia è stata particolarmente intensa per la complessità strutturale-organizzativa e, allo stesso tempo, le potenzialità del presidio come centro Hub. Sin dall’inizio dell’incarico di sostituzione di direttore di presidio, nonostante le difficoltà oggettive, il sottoscritto si è speso, insieme ai colleghi, con tutte le proprie forze e capacità, per riuscire a portare avanti al meglio l’incarico ricevuto. A creare poi una situazione insostenibile è sopravvenuta l’emergenza Covid, che ha aggiunto alle già innumerevoli attività e responsabilità del sottoscritto, tutte quelle dovute alla continua riorganizzazione di spazi, servizi e risorse, che ogni giorno richiedono attenzione diretta sul posto, per le implicazioni logistiche, organizzative, procedurali, di sicurezza dei lavoratori e dei pazienti. Non sono nelle condizioni di accettare un eventuale proseguio di sostituzione del direttore medico di presidio il cui termine scade il 31 maggio 2020. Lo spirito vuole essere di onestà intellettuale e morale nei confronti dell’azienda, per la quale il sottoscritto si è sempre speso e continuerà a spendersi”.

Il direttore medico dell’ospedale S.Elia di Caltanissetta, Lino Di Mattia, ha rassegnato ieri le dimissioni. Era in carica da novembre del 2019. Il segretario del Nursind, Giuseppe Provinzano, esprime “rammarico per le dimissioni e nel contempo siamo preoccupati perchè perdiamo un sicuro punto di riferimento all’interno del presidio ospedaliero”.
Le motivazioni sono legate “all’insostenibilità dei troppi incarichi, compreso quello legato all’emergenza Covid, e principalmente per motivi personali e familiari e di non essere nelle condizioni di accettare un eventuale proseguo di sostituzione del direttore medico di presidio il cui termine scade il 31 maggio 2020. Lo spirito vuole essere di onestà intellettuale e morale nei confronti dell’azienda, per la quale il sottoscritto si è sempre speso e continuerà a spendersi”. Parole utilizzate dal dottor Di Mattia nella lettera inviata alla Direzione strategica dell’Asp. 
“Come Nursind sindacato delle professioni infermieristiche – ribadisce Provinzano – siamo rammaricati. Una persona perbene, educata e preparata, che probabilmente per il suo lavoro svolto in silenzio e con l’abnegazione quotidiana nei confronti dell’utenza e dell’amministrazione, non è stato ben compreso. Ancora una volta chi purtroppo pagherà dazio saranno i cittadini nisseni ed il personale. Ci auguriamo che la Direzione strategica, guidata dal direttore generale, Alessandro Caltagirone, si adoperi immediatamente per accelerare i tempi del concorso e che nel frattempo il suo posto venga ricoperto da un professionista altrettanto esperto, capace, a ricoprire il vuoto lasciato da Di Mattia”.
Tags
Mostra Altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close